Sistemi ADAS: cosa sono?

L’innovazione tecnologica ha consentito alle moderne vetture di essere molto più sicure, è un dato di fatto. Se fino a pochi anni fa sembrava impossibile che anche su una comune utilitaria fossero presenti sistemi di assistenza alla guida capaci di prevenire o ridurre il rischio di incidenti, oggi questi dispositivi – denominati ADAS – sono una realtà irrinunciabile. 

Ma cosa sono i sistemi ADAS di cui tutti ultimamente parlano? Ce lo spiegano gli esperti di Auto 500 nell’articolo.

Sistemi ADAS: cosa sono?

Prima di spiegare cosa sono i sistemi ADAS, è utile capire che cosa si intenda con questa sigla, acronimo di Advanced Driver Assistance System, ovvero sistemi avanzati di assistenza alla guida.

Con il termine ADAS, quindi, si indicano tutti quei dispositivi di assistenza attiva alla sicurezza che si differenziano da quelli dedicati alla sicurezza passiva, come gli airbag o le cinture di sicurezza, ed intervengono prendendo il controllo dell’auto quando le centraline rilevano un comportamento errato da parte del conducente.

Se i sistemi di sicurezza passiva sono studiati per ridurre al minimo le lesioni degli occupanti del veicolo in caso di incidente, i sistemi ADAS, invece, sono studiati per ridurre le possibilità che l’incidente si verifichi realmente.

La presenza di sistemi ADAS su una vettura consente di parlare di guida autonoma di più livelli. Quella di livello 1 è piuttosto basica e si ha nel caso di dispositivi come il cruise control adattivo, mentre la guida autonoma di livello 2 è quella attualmente adottata sulle vetture più recenti dove gli ADAS hanno la possibilità di intervenire sulla velocità e sullo sterzo del veicolo. I costruttori stanno facendo passi avanti in materia di tecnologia per arrivare presto al livello 5, quello di guida realmente autonoma dove minimi saranno gli input del conducente, ma ad oggi i problemi principali sono più legislativi che tecnici. 

Sistemi ADAS: quali sono i principali

Il funzionamento dei sistemi ADAS non è semplice perché per fare in modo che il rischio di incidente si riduca il più possibile devono entrare in gioco varie apparecchiature quali centraline, sensori, radar e videocamere. Questi dispositivi leggono quanto avviene su strada ed intervengono prontamente qualora rilevino un comportamento errato da parte del conducente.

Sono numerosi i sistemi ADAS presenti sul mercato ed ormai diffusi anche sulle più comuni utilitarie. Dopo aver visto cosa sono i dispositivi ADAS, scopriamo quali sono quelli più interessanti.

  • Avviso di collisione: uno dei sistemi ADAS divenuto imprescindibile è l’avviso di collisione. Questo dispositivo è in grado di rilevare la distanza dagli oggetti che precedono la vettura e grazie al funzionamento di un radar posto nel parabrezza dell’auto avvisa acusticamente il guidatore quando il rischio di tamponamento diventa elevato. In alcuni casi il sistema è abbinato anche alla frenata automatica di emergenza che rallenta l’auto al posto del guidatore quando questo non si rende conto del pericolo.
  • Cruise control adattivo: il dispositivo ACC, acronimo di Cruise Control Adattivo, è uno dei più apprezzati dagli automobilisti perché non solo è in grado di mantenere la velocità di crociera determinata dal conducente, ma anche di riconoscere la distanza dal veicolo che precede regalando al guidatore un comfort ottimale nei lunghi viaggi.
  • Mantenimento di carreggiata: altro sistema ADAS ormai largamente diffuso anche sulle più comuni utilitarie è il mantenimento di carreggiata. Grazie a questo dispositivo, ed al radar presente sul parabrezza della vettura, il veicolo proseguirà la marcia senza invadere la linea di demarcazione che delimita la carreggiata stradale. Quando per distrazione si oltrepassa per un attimo la linea continua, si sentirà una vibrazione al volante e la vettura tornerà nuovamente nella carreggiata corretta. Il sistema si disattiva automaticamente attivando l’indicatore di direzione.
  • Traffic Sign Recognition: uno dei sistemi ADAS più evoluti, ed in grado di fare la differenza, è il dispositivo di lettura dei segnali stradali. Grazie alla presenza di una telecamera frontale la vettura sarà in grado di leggere i segnali di stop, di svolta o i limiti di velocità riportandoli sul cruscotto del conducente ed avvisandolo acusticamente in caso di violazione degli stessi.
  • Blind Spot Assist: chi è solito guidare in autostrada può certamente confermare come uno dei momenti più temuti sia quello del sorpasso. Anche se si controllano mille volte gli specchietti non si ha mai la certezza dell’assenza di un altro mezzo nell’angolo cieco. Per prevenire questa eventualità la tecnologia ADAS ha messo a disposizione questo sistema che avvisa acusticamente, o tramite un led sullo specchietto, il guidatore della presenza di una vettura che sopraggiunge e che non è visibile proprio perché nascosta dall’angolo cieco dell’auto.

Postato su 24 febbraio

Condividi