Come lavare l’auto a mano

Come l’avare l’auto a mano?

 

Per avere cura della propria auto non basta svolgere la normale manutenzione delle parti meccaniche: è anche fondamentale dedicarsi al lavaggio con una certa regolarità, per avere la carrozzeria sempre lucida e brillante.

Vuoi sapere come lavare l’auto a mano? Basta seguire alcuni semplici accorgimenti (in alternativa puoi sempre affidarti ad uno specialista!) Ecco i principali.

 

L’importanza di avere l’auto pulita

Lavare regolarmente la nostra macchina permette di mantenerla pulita e igienizzata, in quanto gli eventuali residui di sporco e polvere potrebbero, se ignorati, danneggiare la vernice.

A questo proposito, il procedimento manuale, rispetto a quello con i rulli dell’autolavaggio, consente di prestare maggiore attenzione alle aree più imbrattate.

 

Come lavare l’auto a mano: le azioni preliminari

Innanzitutto, è bene portare il veicolo in una zona ombreggiata e posteggiarlo un terreno piano in cemento, munendosi nel frattempo di un panno in microfibra e di un detergente specifico per il lavaggio.

I finestrini devono essere chiusi e i tergicristalli sollevati.

La scelta di riparare la vettura dal sole consiste nell’evitare un asciugatura prematura e lasciare macchie sulla carrozzeria; le alte temperature, inoltre, farebbero diventare rovente la superficie, favorendo l’evaporazione dell’acqua.

Tutto il materiale per il lavaggio deve essere tenuto a portata di mano, ben organizzato e in ordine.

È poi essenziale avere una grande scorta d’acqua (in base anche alla grandezza del mezzo),  due secchi destinati al sapone e al risciacquo, un tubo flessibile e panni per l’asciugatura finale.

 

Come lavare una vettura a mano: il procedimento completo

Il primo secchio dedicato al lavaggio va riempito con abbondante acqua e la quantità di sapone indicata sulla confezione del prodotto, mentre il secondo secchio deve essere riempito solo di acqua, perché dedicato al risciacquo.

Per prima cosa bisogna bagnare la macchina utilizzando il tubo flessibile, per ammorbidire e cercare di eliminare il più possibile lo sporco presente; il flusso deve essere rivolto verso il basso in modo da evitare che l’acqua si infili nelle fessure delle guarnizioni.

Si comincia lavando i cerchioni e le zone inferiori (che di solito sono le parti più sporche), soprattutto per evitare che lo sporco finisca sulla superficie pulita.

Per svolgere questa operazione, i  prodotti migliori da utilizzare sono una spugna o una spazzola, meglio se impiegate esclusivamente per queste zone.

Il successivo passaggio consiste nella pulizia della carrozzeria, per cui è consigliabile utilizzare un guanto o un panno più grande, immergendolo nel primo secchio con l’acqua e il sapone, per garantire una pulizia più profonda.

I guanti migliori sono quelli con lunghe frange, perché comportano un minore rischio di graffi.

Il lavaggio a mano deve essere svolto pulendo una zona alla volta, che poi va subito risciacquata con il tubo per evitare che si formino aloni, iniziando dal tettuccio dell’auto e scendendo verso le zone più basse del veicolo.

Se si nota che il mezzo è molto sporco, è opportuno passare il detergente più volte, facendo attenzione a non danneggiare le parti interessate.

Ora che tutta l’auto è stata pulita e lavata, si passa alla fase dell’asciugatura, da eseguire esclusivamente con panni puliti, per evitare il rischio che la carrozzeria si possa arrugginire.

Al termine di questo procedimento è bene controllare anche che non ci sia dell’acqua residua, che può annerire la superficie appena detersa. 

Il tocco finale consiste nel passare la cera sul veicolo asciutto, per proteggere la vernice dal sole e impedire lo scolorimento e attuare un trattamento idrorepellente per i finestrini, per migliorare la visibilità.

Vuoi pulire la tua auto anche internamente? Scopri come pulire i sedili della tua auto usando il bicarbonato!

Postato su 06 aprile

Condividi