Ecobonus auto 2020: cos’è e come usufruirne

Il Decreto Rilancio ha introdotto interessanti incentivi economici per l’anno in corso: l’Ecobonus auto 2020 è una misura che permette di ottenere sconti sui prezzi di listino per l’acquisto di vetture a bassa emissione di CO2 e ulteriori vantaggi in caso di rottamazione del proprio veicolo.

Vediamo nel dettaglio questa importante misura arrivata in un periodo – il post pandemia da Covid19 –  in cui ci si è resi conto maggiormente dell’importanza di un trasporto sostenibile e sensibile verso l’ambiente. 

 

Cos’è l’Ecobonus 2020 e come usufruirne

Per prima cosa occorre precisare che l’Ecobonus auto 2020 riguarda l’acquisto di automobili ibridi o elettriche, con bassissime emissioni di CO2 e quindi “amiche” dell’ambiente.

La misura, volta a incentivare la cosiddetta green economy, dovrebbe essere definitivamente resa legge entro e non oltre il prossimo 18 luglio e partire in azione ufficialmente il 1 agosto. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha stanziato per l’Ecobonus circa 100 milioni di euro per il 2020 e il doppio per il 2021. 

Per usufruire dell’Ecobonus auto 2020 non è una condizione necessaria e obbligatoria la rottamazione di un precedente veicolo, ma il nuovo acquisto deve riguardare esclusivamente auto elettriche oppure automobili appartenenti alle categorie ibride M1 o L – così anche come ciclomotori o motocicli di categoria L. 

Dal momento che la misura del Decreto Rilancio è stata resa retroattiva, le automobili su cui è possibile usufruire del vantaggio economico devono essere state acquistate in un periodo compreso tra il 1 marzo 2019 e il 31 dicembre 2021 (vale a dire che gli incentivi saranno resi disponibili anche per le auto acquistate l’anno precedente).

Non solo, è necessario anche che l’acquisto sia avvenuto in Italia e l’immatricolazione nel nostro Paese. 

Altri requisiti fondamentali per usufruire dell’Ecobonus auto 2020 sono il prezzo dell’automobile e la relativa emissione CO2: il primo non deve essere superiore a 50.000 € (Iva esclusa e inclusi gli optional) – oppure deve arrivare a un massimo di 61.000 € compresi di Iva –  mentre le emissioni CO2 devono essere inferiori a 70 grammi per chilometro. 

Gli incentivi più interessanti partono da 3.500 € per l’acquisto di un automobile omologata Euro 6, fino ai 6.500 euro di sconto sul prezzo di listino che si possono ottenere con la rottamazione di una vettura che abbia più di 10 anni di vita.

Il contributo maggiore che si può ottenere è quello di 10.000 € ma a patto che l’automobile acquistata sia una vettura elettrica nuova con meno di 20 grammi di emissioni CO2 al chilometro. 

La piattaforma online https://ecobonus.mise.gov.it/ è quella scelta dal Governo per la prenotazione dei contributi finanziari all’acquisto delle nuove automobili ibridi o elettriche.

Si tratta di un processo di quattro fasi: la prima prevede che la concessionaria registri le automobili sulla piattaforma online per ricevere le eventuali prenotazioni.

Dopo massimo 180 giorni dalla prenotazione occorre avere ricevuta di conferma e va consegnata la vettura con la nuova targa e tutta la documentazione relativa da allegare.

In questa fase viene fatto lo sconto sul prezzo di listino che in seguito la concessionaria potrà recuperare in qualità di credito di imposta. 

 

Si può usufruire dell’ecobonus per la auto usate?

La risposta è sì, anche per l’acquisto di auto usate è possibile usufruire dell’Ecobonus auto 2020 se sono state immatricolate a partire da marzo 2019 (e fino al 31 dicembre 2021) e presentano basse emissioni di CO2. Se invece vuoi sapere come usufruire dei finanziamenti per le macchine usate clicca qui.

 

E se decidessi di rottamare la vecchia auto? I vantaggi

Nonostante la rottamazione del veicolo vecchio non sia affatto una condizione necessaria per usufruire degli incentivi dell’Ecobonus auto 2020, rottamare la precedente vettura potrebbe avere dei vantaggi.

Nello specifico, la rottamazione conviene se l’automobile è stata immatricolata prima dell’1 gennaio 2010 perché il contributo previsto è di 2.000 €, mentre scende a 1.500 € se l’immatricolazione del veicolo è precedente alla suddetta data.

 

Ecco in dettaglio le distinzioni tra gli sconti ottenibili con o senza rottamazione

  • 10.000 €  di sconto con rottamazione per l’acquisto di un’automobile a emissioni CO2 comprese tra 0 e 20 g/km / 6.500 € senza rottamazione
  • 6.500 €  di sconto con rottamazione per l’acquisto di un veicolo a emissioni CO2 comprese tra 21 e 60 g/km / 3.500 € senza rottamazione 
  • 3.500 €  di sconto con rottamazione per l’acquisto di un’auto con emissioni CO2 comprese tra 61 e 110 g/km / 1.750 € senza rottamazione

 

Infine, attenzione all’Ecotassa 2020! Dal 1 marzo 2019 al 31 dicembre 2021 sarà dovuta una tassa in base alle alte emissioni inquinanti di CO2 per chi ha acquistato un veicolo che non rispetta gli standard oggi necessari alla riduzione dello smog e al rispetto e alla sostenibilità dell’ambiente.

Questa misura è volta a scoraggiare l’acquisto di automobili le cui emissioni sono ormai considerate altamente inquinanti per l’ambiente e a incoraggiare invece l’utilizzo dei nuovi incentivi ecologici per l’acquisto di automobili all’avanguardia dal punto di vista della green economy

Postato su 17 luglio

Condividi